martedì 5 dicembre 2006

BIBLIOTECA ESSENZIALE


Rispondendo a Mauro, alla sua difficile domanda sui volumi da possedere... ah eccoci nei guai, ma stimolanti.
Infatti pubblichiamo questa lista e dobbiamo far presto a postarla, altrimenti si allunga e vengono ripensamenti.
Mancano molte cose, è ovvio, vorremmo continuare.
Ma ci piace di più aspettare proteste e suggerimenti da chi ci visita: LA QUESTIONE È APERTA, aspettiamo da ognuno di voi suggerimenti, correzioni, commenti, titoli e mamori di letture...
per cominciare inseriamo Winsor McCay come immagine d'apertura, andrebbe letto anche lui, il padre del fumetto e dell'animazione... ma almeno guardato.


Ecco i nostri 20 volumi imperdibili e qualcos'altro...

alla prossima!


Mort Cinder di Breccia Oesterld (Comma 22)

Una Ballata del Mare Salato di Hugo Pratt (Einaudi, Lizard e anche in Edicola)

Maus di Art Spiegelman (Einaudi Stile Libero e in edicola)

Zanardi di Andrea Pazienza (Baldini e Castoldi)

Watchmen di Alan Moore e Dave Gibbons (Play Press e in edicola)

Monsieur Jean gli albi 3, 4, 5 e 6 della seria francese (in Italia quelli che li raccolgono sono i 2 e 3, edizioni B D) di Dupuy e Berberian

Alack Sinner - Nel bar di Munoz e Sampayo (Coconino Press)

Lo Sconosciuto di Magnus (raccolta edita da Einuadi)

Big Man di David Mazzucchelli (Coconino Press)

Black Jack di Osamu Tezuka (Hazard)

Fuochi di Lorenzo Mattotti (Hazard)

Appunti di una storia di guerra di Gipi (Coconino Press)

Il sognatore di Will Eisner (Kappa Edizioni)

Calvin e Hobbes il meglio – di Bill Watterson

I gioielli della Castafiore della serie TinTin di Hergé

Asteria e i Britanni di Uderzo e Goscinny

L’autoroute du soleil di Baru (Coconino Press)

Sogni di Bambini di Katsushiro Otomo (edicola)

Pillole blu di Frederik Peeters (Kappa)

Perché odio Saturno di Kyle Baker (Vertigo)


Tra i seriali:

Zio Peperone e Doretta Dormì, la Stella del Polo di Carl Barks

Trilogia d Pat O’ Shane della serie Ken Parker (ora Panini)

Dylan Dog – Le memorie dell’invisibile (Sergio Bonelli Editore)

Tex - La Dama di Picche (Sergio Bonelli Editore)

Lupo Aberto di Silver

Rat-Man di Leo Ortolani


Inoltre:

Valentina di Guido Crepax

E l’introvabile (edizione Salani) Valentina Mela Verde di Grazia Nidasio

20 commenti:

Anonimo ha detto...

"Pompeo" di Andrea Pazienza!

Ciao a tutti

Patrizia

Anonimo ha detto...

Puah. Gipi e non Frank Miller. Baru e non Quino. Peteers e non Segar. Addirittura Otomo e non Al Capp. Ma di che fumetto stiamo parlando? Di cosa parliamo quando parliamo di fumetti?

i redattori ha detto...

Rispondiamo ai primi due commenti:
d'accordissimo su Pompeo, ma scegliendo un solo Paz...

Grazie per Miller, il Cavaliere oscuro, Quino certamente! Mafalda Tutta! Allora aggiungiamo anche Sempé.

Per Segar e AL Capp una scelta è stata verso i più contemporanei, una delle scelte... ma avnti con commenti e critiche! e Grazie!

Anonimo ha detto...

Acc! uno solo per autore è dura, almeno per certi autori. Di Miller ad esempio preferisco "Give me Liberty", ma in effetti Il cavaliero oscuro è più innovativo per diversi aspetti...
Orpo!, non ci sono i Peanuts!

Pat da Milano

MATTE ha detto...

TORPEDO.abuli e bernet.
BLACKSAD.canales e guarnido.
ALTAI e JONSON.sclavi e cavazzano.
E poi gia che ci siamo io comprerei tutto quello che c è in circolazione di mastantuono , palumbo , boucq e caluri... per citarne alcuni.

Anonimo ha detto...

Grazie grazie grazie 1000 a tutti
Prendo nota e indago in fumetteria.

Ciao a tutti

Mauro

AT ha detto...

Dunque,
integrerei con "Il Garage Ermetico di Moebius", e qualcosa di Tardi (diciamo "Il signore di montetetro" con i testi di Forest, così inseriamo anche lui)
tra i più recenti:
"Il Grande Male" di David B.,
"Jimmy Corrigan" di Chris Ware (ancora non tradotto in italiano)
e "L’uomo che cammina" di Taniguchi
"Amore a interim" dalla serie Lapinot di Throndeim
"Ghost World" di Daniel Clowes
e qualcosa di Joan Sfar, ma non riesco a decidere...

tra le serie i fantastici quattro di Lee e Kirby e i New Gods di Kirby da solo.
e poi Go Nagai: Devilman, forse.

e infine, soprattutto, Krazy Kat.

Anonimo ha detto...

Mi associo ad alcune scelte di AT, prima di tutto "L'uomo che cammina" e "Ghost World", che ho amato molto.
Di cose belle abbastanza recenti(e alcune, molte forse rimarranno anche nel futuro) ce sono molte; non ci sono solo i classici degli anni 50-60-70!

Pat da Milano

Rossana ha detto...

io aggiungo:
Persepolis di Satrapi
Serie: Sandman di Gaiman, Hell Boy di Mignola, Dago di Wood, Salinas, Gomez
Striscia umoristica: Liberty Meadows di Frank Cho
Rossana

Melo! ha detto...

se andiamo verso i contemporanei rilancio con Blankets di Craig Thompson, lo ho letto da poco e mi ha devastato..

Melo! ha detto...

ops mi e' venuto in mente enki bilal, la trilogia nikopol magari..

pierdomenico sirianni ha detto...

Imprescindibili, per motivi opposti, Dark Knight di Miller e L'uomo
che cammina di Taniguchi.

Fra i seriali, un pò a caso: Dylan Dog n.43 Storia di Nessuno (Sclavi e Stano) e lo spettacolare Monster Allergy n.16 Tempesta all'orizzonte (magistrale sceneggiatura di Artibani).

Topolino nella Valle Infernale (1930), capolavoro di Disney-Gottfredson lo infiliamo tra i seriali o tra i classici?

nessuno ha segnalato Will Eisner...mmmm....

andrea leggeri ha detto...

Che invidia nei confronti di Mauro che ha ancora tanto da scoprire e da leggere!
Tra i contemporanei di casa nostra vogliamo tralasciare Paolo Bacilieri? Zeno Porno, Barokko, Durasagra, i suoi Napoleone... indispensabili!
Tra i classici seriali da non dimenticare il Silver Surfer di Lee e Buscema e lo SpiderMan di Lee e Romita (in questi mesi su SpiderMan Collection by Panini).
E poi... oddio è un gioco di citazioni che non finisce più!!!

AT ha detto...

ci sono classici troppo classici che non citiamo e ricordiamo più: Flash Gordon di Alex Raymond, Tarzan di Hogarth... e Milton Caniff? Kurtzman?

Anonimo ha detto...

Aggiungerei qualsiasi opera disegnata da Toth.
Comunque penso che sia difficile stabilire un elenco preciso, le opere meritevoli sono migliaia, e altrettante ne arriveranno.
Il compito del buon lettore e autore è aggiornarsi costantemente e vagliare criticamente ciò che il panorama offre
Pagas

Anonimo ha detto...

Summer Blonde di Adrian Tomine (Coconino)

Enigma di Duncan Fegredo e Peter Milligan (Comic Art)

Palestina di Joe Sacco (anche in edicola o per Feltrinelli)

Tank Girl di Jamie Hewlett (Coniglio editore)

Anonimo ha detto...

Volevo segnalare che Will Eisner era stato segnalato nella lista principale... io ci avrei messo però Contratto con Dio e Affari di Famiglia!!!

E.NTT ha detto...

..e spirou e fantasio?...almeno nel periodo Franquin citiamoli..anche se ora con Munuera (lo stesso di Navis)stanno avendo una nuova interessante rinascita...

Anonimo ha detto...

frank miller...il cavaliere oscuro o sin city...
poi i peanuts, non possono mancare.
infine valiant di harold forster...

Andrea Iovinelli ha detto...

- Nausicäa, di Hayao Miyazaki
- Pyongyang, Guy Delisle
- Gesù, Yoshikazu Yasuhiko
- 20th Century Boys, Naoki Urasawa
- Hammer, Gruppo Hammer, Star Comics
- Rough, Mitsuru Adachi

... per ora.