giovedì 4 gennaio 2007

En attendent ANGOULÊME



Personale di Luca Enoch, venerdì 5 gennaio 2007 alle ore 18:00 presso Campo (via Belvedere 2B). La mostra (30 tavole originali di Gea, personaggio di cui postiamo una bella immagine ) sarà aperta fino al 20 gennaio, giorno in cui, alle 17:00, ci sarà un incontro con l'autore. Enoch è presente nel numero di SdF ancora in edicola, assieme a Maurizio Di Vincenzo, con il quale ci racconta la loro nuova serie per la Francia...

A proposito di Francia, ricordiamo che la grande mostra mercato di Angoulême si avvicina. Gli italiani che vi si recano in un pellegrinaggio lavorativo dai molti aspetti, sono ogni anno più numerosi. E pare che siano più numerosi sempre anche gli italiani che vi pubblicano, sebbene voci paventino l'arrivo di bravisismi ed economici (più di noi), artisti dell'Est europeo. Ma molti autori nostrani continuano per ora a pubblicare e alcuni con grande successo, Oltralpe.
Su Angoulême vi aggiorneremo man mano nei giorni della mostra, dal 25 al 28, e vi faremo sapere s e le voci di polemiche da parte degli editori verso l'oragnizzazione, con alcune rinunce e assenze, risulteranno fondate sino alla fine.
Vero è che quest'anno, mentre Lucca è rientrata festosamente e con successo tra le mura, dopo anni di tendopoli e palzzetti, la cittadina francese vede, a causa di lavori in corso, allontanarsi la manifestazione fuori dalle mura, nei pressi del CNBD, il grande museo del fumetto. Crisi? Il museo da anni è in una ristrutturazione poco promettente, la giunta sembra disinteressarsi, voci parlano di traslochi.
Nell'attesa della manifestazione e fiduciosi che la crisi sia dovuta a cause tecniche e che la Francia resti la Mecca europea del fumetto, cominciate a farvi un po' di cultura francese sabato 6 gennaio: come regalo della Befana troverete nella calzetta da RAI 3 alle 15:50 il lungometraggio del 2001, con Becassine, non prendetela per un'olandesina! È un famosissimo classico delle origini del fumetto francofono, una simpatica e ingenua servetta, nata da un'idea di Maurice Languereau, disegnata dal 1904 al 1941 da Joseph-Porphyre Pinchon. Da non perdere... intanto potete vederne un fotogramma con Bécassine sotto alla Tour Eiffel.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

In bocca al lupo per il blog che ho appena scoperto! Sul prossimo numero di SDF mi piacerebbe leggere qualcosa su Bad Trip, un grande maestro che ci ha lasciato e che molti non conoscono.
Un saluto e buon lavoro,
Luca Scornaienchi.

i redattori ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
i redattori ha detto...

Vorremmo evitare di dedicare articoli a tutti gli artisti appena muoiono; facciamo alcune eccezioni, ma legate ad altri motivi.
Però sul professor Bad Trip ci penseremo, solo per un numero più il là.
Bad Trip ha avuto un segno molto personale e un percorso furoi dai classici schemi e spazi del fumetto. Sicuramente lo tratteremo in un articolo, grazie del suggerimento, senza legarlo alla sua davvero prematura scomparsa.