mercoledì 13 febbraio 2008

È MORTO ANGESE




È morto Sergio Angeletti, in arte Angese.
Vogliamo ricordarlo in modo asciutto, come spetta a un vignettista, in modo elegante, come quelli che lo hanno conosciuto sanno che era.

Jacopo Fo lo ricorda sul blog stesso di Angese (www.angese.it), con belle parole da grande amico e compagno di lotte. Ne riportiamo un breve stralcio: «Ma potremmo dire che e’ stato abbattuto mentre caricava a cavallo le trincee fortificate dei demoni. Sergio è stato un grande combattente per la libertà. 
Uno che ha sempre messo la sua dignità di fronte alle convenienze. 
Uno dei più grandi disegnatori italiani, giornalista e vignettista acuto, originale e geniale, al quale questo sistema di merda ha negato la possibilità di lavorare. 
Le grandi testate per le quali disegnava lo hanno via via cacciato perché non riusciva proprio ad arruolarsi nel manierismo leccaculo dominante». È presso la Libera Università di Alcatraz (di Jacopo) che verranno tumulate le sue ceneri.
Angese ha lavorato tanto, al "Male", a “Cuore”, a "L'Eco della Carogna" a quotidiani, a programmi. Di recente però compariva solo sul Resto del Carlino. Censura, ignoranza… difficile la via della satira, oggi forse di più.
Noi ci fermiamo al ricordo di tante vignette, battute, idee.
Proprio per ricordarle ne postiamo tre, rubate al suo blog,invitandovi a visitarlo, perché la miglior vita che possiamo avere è proseguire nei cevelli dei lettori.

Ci scusiamo per la lunga interruzione del nostro blog e per il ritardo di questo numero di Scuola di Fumetto. Motivi personali hanno rallentato il lavoro, che riprende.
A presto.

Nessun commento: