lunedì 26 settembre 2011

Addio a Sergio Bonelli

Questa mattina una terribile notizia ha colpito il mondo del fumetto e della cultura italiana.
Se n'è andato Sergio Bonelli, sceneggiatore tra i più importanti delle nuvolette di casa nostra, papà di leggende come Zagor e Mister No, ma soprattutto il più grande editore del settore. Tutta la comunità degli appassionati e degli addetti ai lavori ne sentirà la mancanza, anche coloro che non l'hanno conosciuto di persona ma attraverso le sue produzioni, gli sono debitori di qualcosa e grati. Grati di aver popolato l'immaginario collettivo di eroi intramontabili, di aver contribuito a far crescere il fumetto italiano attraverso la sua attività editoriale, di aver saputo innovare pur nel solco della tradizione dei generi popolari, di aver lanciato nuovi autori e valorizzato il lavoro di quelli già grandi. Se n'è andato nel momento più difficile per il fumetto italiano (e per l'Italia tutta), sarà dura senza il suo riferimento, senza la sua autorevolezza di personaggio pubblico amato e rispettato anche oltre la cerchia dei lettori abituali. È stato un po' il portavoce e il simbolo dei professionisti del fumetto presso gli altri ambiti culturali, ora senza di lui è difficile persino immaginare quale futuro attende il fumetto popolare in Italia...
Ci mancherai, Signor Nolitta!

2 commenti:

laura scarpa ha detto...

grazie Andrea, da parte mia http://fumiefumetti.blogspot.com/2011/09/lunedi-nero.html e da parte di Francesco Coniglio che gli è stato carissimo amico. Una perdita per l'editoria, per il fumetto, ma tanto una perdita umana, di chi è sempre stato coinvolto, mai padrone.

laura scarpa ha detto...

http://animals-theblog.blogspot.com/2011/09/sergio-bonelli.html