sabato 26 febbraio 2011

RONFratelli d'Italia!

Questo lo splendido regalo che ci ha fatto l'amico Adriano Carnevali, il papà dei mitici Ronfi che hanno allietato più di una genarzione di piccoli (e grandi) lettori del Corriere dei Piccoli. Un invito per scuotere le nostre coscienze, per ridestarci da un letargo quello si davvero "ronfesco"! Ci siamo addormentati davanti alla tv da oltre vent'anni, qualcuno la spenga o almeno cambi canale!!!
Ma tornando ai Ronfi... per chi li ricorda con nostalgia o volesse farli conoscere ai propri figli o nipotini, ricordiamo che oggi li trovate in edicola nel mensile Giocolandia, rivista di giochi, enigmistica e fumetti per ragazzi. Se invece voleste fare una full immersion ronfesca con storie d'epoca dalle pagine del Corrierino, vi consigliamo l'antologia Il mondo dei Ronfi, edita da Struwwelpeter.
Abbiamo intervistato Carnevali nel numero 64 di Scuola di Fumetto, ormai due anni fa. Così l'autore ci raccontò la genesi dei suoi celebri roditori:

Alla nascita dei ronfi ha contribuito parecchio la passione mia e di mia moglie Donatella (con la quale condivido da più di trent’anni la creazione di immaginari universi-rifugio di varia natura, rassicuranti e sempre più estranianti dalla realtà quotidiana) per gli animali: al momento, tanto per dare l’idea, conviviamo con quattro cani, cinque gatti, una coniglietta nana, due pappagallini e una cornacchia (tutti rigorosamente “trovatelli”). Le storielle dei ronfi si basano sull’idea di un universo ribaltato rispetto a quello reale: in barba ai principi dell’evoluzionismo e dell’etologia, per cui la lotta per la sopravvivenza è vinta dalle creature più adattabili all’ambiente e più attrezzate quanto a intelligenza, astuzia, doti fisiche ecc., i ronfi si trovano in un universo benevolo nei loro confronti, che (come una sorta di laica Provvidenza) supplisce alle evidenti manchevolezze di queste disastrose creature; le quali, però, non si rendono conto di ciò e restano incrollabilmente convinte di costituire una specie superiore a tutte le altre. Ecco perché sono animali pigri, incapaci, mentalmente e fisicamente carenti, ma allo stesso tempo presuntuosi e saccenti. Volendo allargarci, ne potremmo trarre delle similitudini con la condizione umana e delle profonde considerazioni su una visione più o meno provvidenziale del mondo adatte per un dibattito televisivo con la partecipazione di Messori, Odifreddi. un teologo telegenico e Alba Parietti. A questo punto risulta evidente quanto la presunzione ronfesca abbia irrimediabilmente contagiato anche il sottoscritto...

giovedì 24 febbraio 2011

LE ONOMATOPEE NEI MANGA IN ITALIA

LE ONOMATOPEE NEI MANGA IN ITALIA
Conferenza di Asuka Ozumi

28 febbraio ore 18.30
Istituto Giapponese di Cultura (via A. Gramsci, 74 – 00197 Roma)
Ingresso: Libero

OrientaMenti è un ciclo di conferenze tenute da esperti che hanno usufruito di fellowship della Japan Foundation per approfondire i loro studi in Giappone. Questo primo incontro renderà felici gli appassionati di manga e coinvolgerà tutti gli interessati al mercato editoriale italiano. Verrà infatti illustrato il processo produttivo che porta un manga dallo scouting sul mercato giapponese alla vendita al pubblico in Italia. Particolare attenzione sarà focalizzata sulle problematiche legate alle onomatopee, in relazione alla traduzione e all'adattamento grafico.

Asuka Ozumi
Nel corso dell'a.a. 2003-2004 ha usufruito di una fellowship della Japan Foudation presso l'università Ritsumeikan di Kyoto, finalizzata alla stesura della tesi di dottorato presso l'Università degli Studi di Napoli l'Orientale. Al rientro in Italia ha intrapreso l'attività di traduttrice freelance, collaborando con le maggiori case editrici che pubblicano manga in Italia, iniziando anche l'attività di insegnamento della lingua giapponese presso il Cesmeo di Torino. Nel 2009 ha partecipato al Training Programme for Teachers of Japanese in Europe nel 2009, finanziato dalla Japan Foundation. Attualmente è docente a contratto di Lingua Giapponese presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell'Università di Torino ed è supervisor della collana manga JPOP per la casa editrice Edizioni BD.

venerdì 18 febbraio 2011

Saverio Tenuta in mostra a Roma

UPDATE!!!
SAVERIO TENUTA ALLA LIBRERIA L`AVENTURE
SABATO 5 MARZO DALLE 16,30
Via del Vantaggio, 21 00186 Roma

Mostra delle tavole originali in occasione dell'uscita del quarto e ultimo volume di La Légende des nuées écarlates, edito da Les Humanoïdes Associés.

Saverio Tenuta, nato nel 1969 e diplomato all’Accademia delle Belle Arti di Roma, è entrato nel mondo del fumetto pubblicando inizialmente qualche breve storia presso degli editori italiani. Dal 1995, collabora sempre più attivamente a delle pubblicazioni con delle case editrici americane : (Event, Sirius, la revue Heavy Metal, la DC Comics). Nel 2005, inizia una collaborazione con le Humanoïdes Associés per questa Légende des nuées écarlates di cui i primi tre volume, hanno ricevuto un ottimo riscontro sia dal punto di vista della critica che quello dei lettori. Dal 1993 Saverio Tenuta insegna fumetto e arti figurative.

giovedì 17 febbraio 2011

The CMYK Project

The CMYK PROJECT
Nessun Book Sarà Trascurato

FIERA DEL LIBRO DI BOLOGNA - 28/31 marzo 2011

The CMYK Project è un gruppo di supereroi, ovvero illustratori e autori professionisti, che nei giorni di Fiera hanno accettato di mettersi a disposizione degli illustratori più giovani per guardare i loro book.

Non c’è un appuntamento fisso né un luogo prestabilito dove presentarsi o mettersi in coda.
I quattro saranno identificabili attraverso una spilla e un badge. Se li vedete, potete semplicemente fermarli e aprire il book.
I quattro supereroi di questo gruppo sono:
Mr. BLUEMAGENTA - Mr. BLONDE - Mr. BLACK
Scoprite da voi chi sono in realtà!
A tutti buona Fiera, buon lavoro e buon divertimento.

mercoledì 9 febbraio 2011

Ritorna Scuola di Fumetto!!!

Eccoci qui!!!
Comprensibile il vostro malumore di fronte ai ritardi, e probabilmente non vorrete sentire ragioni. Gli ultimi mesi, quelli che ci separano dall'uscita di SDF76 a ridosso della scorsa Lucca Comics fino al travagliato parto del numero 77 che è finalmente in stampa e sarà in distribuzione nella seconda metà del mese, ci hanno visti impegnati a riflettere sul ruolo della nostra/vostra rivista nel sempre più caotico mondo dell’editoria a fumetti italiana. Abbiamo ipotizzato un cambio di formato ed una nuova rivoluzione grafica, per cercare di emergere nell’indistinto blob di pubblicazioni che soffocano le edicole, in un mercato dato da molti ormai per morto; abbiamo consolidato il settore dei Corsi OnLine che vanno alla grande e si stanno moltiplicando; abbiamo compiuto l’ufficiale e burocratico passaggio alla bimestralità; abbiamo lavorato per sbloccare il determinante settore digitale per rendere SdF disponibile in pdf, soluzione già annunciata da tempo che attendeva di partire effettivamente, ed è finalmente giunto il momento! A tutto questo si sono sommati gli innumerevoli impegni redazionali, che nei periodi a cavallo tra un anno e l’altro sono sempre frenetici e, come qualcuno di voi ha sottolineato, vedono coinvolte sulla nostra rivista le stesse persone che portano avanti anche ANIMAls, ma pure XComics, i libri, i corsi in rete ecc… La buona notizia è che ci siamo, il nuovo numero è realtà e la cover che vedete qui sopra, con al centro lo splendido Dylan Dog di Giovanni Freghieri protagonista dello sketch book del mese, è quella che vi troverete davanti verso il 20 del mese. Un numero quasi monografico sul fumetto per ragazzi, con interviste agli editori principali del settore, nel quale troverete però anche un’intervista a Charlie Adlard, disegnatore di The Walking Dead, il ritorno delle “schede” con Devilman e le consuete rubriche. Presto un sommario dettagliato.