sabato 8 febbraio 2014

"FUORI CATALOGO" valentina, valentina...

S. Valentino? ComicOut offre un pacco dono. Per coppie (ma anche singoli).
Ma parlando di Valentine... oltre la MelaVerde, di Grazia Nidasio, sempre pubblicata da ComicOut, non si può dimenticare Valentina Rosselli, la splendida fotografa di Guido Crepax.

Dunque, qualche giorno prima del suo onomastico, ci piace parlare di lei... e di lui.
Fuori dalla nostra rivista (ma stimolante suggerimento), mentre a Guido Crepax vengono dedicate varie mostre (ne abbiamo viste allestite da Cart e da Nuages, tra gli altri...) e Salani ripubblica l'opera con approfondite note, ecco un bell'articolo con intervista ai figli, lo trovate completo QUI.
Estrapoliamo qualche frammento per i più pigri:
Guido Crepax family: Le storie a fumetti di nostro padre sono sempre state considerate "colte", difficili e ricche di contenuti culturali. Forse troppo per dei fumetti. Oggi più di allora il lavoro esegetico che stiamo facendo sulla sua opera ci ha portato a scoprire un bagaglio culturale sempre più ricco e vario. Ne sono una prova le ultime edizioni pubblicate da Magazzini Salani con le principali storie di Valentina arricchite da note che aiutano il lettore e hanno lo stesso valore dei contenuti speciali dei film in DVD. Molti di questi contenuti derivano direttamente dal suo background famigliare e da tutte le persone che frequentava: amici ma anche artisti, giornalisti, scrittori, fotografi, musicisti e cineasti. Umberto Eco, Bernardo Bertolucci, Dario Fo, Claudio Abbado, Emilio Tadini e Ugo Mulas tanto per fare qualche nome. Un terreno fertile nella Milano degli anni '60 e '70, per un nuovo modo di fare fumetti elevandoli a forma di arte contemporanea.




Guido Crepax family:
Bianca è come Valentina una sua creazione originale, forse quella con cui ha potuto esprimera più liberamente le sue immaginazioni e i turbamenti. Non a caso diceva che il pennino era il suo psicanalista e l'inchiostro il magma interiore, grazie al quale esprimere non solo quello che voleva dire ma anche i suoi pensieri più inconfessabili. Histoire d'O, Emmanuelle, Venere in pelliccia, rimangono, pur nella libertà della sua versione a fumetti, delle precise ricostruzioni dei romanzi originari con ambientazioni e costumi ricostruiti con estremo rigore stilistico e storico. Vivendo nella stessa casa dove lui creava e disegnava le sue storie abbiamo vissuto con estrema naturalezza i loro contenuti erotici. Le stesse cose avrebbero creato non pochi turbamenti e imbarazzi nei suoi lettori e nei suoi editori. Era timido e riservato ma al tempo stesso esibizionista e amava scandalizzare anche se poi lui stesso si è stupito di quello che aveva disegnato. 


Vi ricordiamo di consultare il nostro sito comicout.com

Nessun commento: