lunedì 10 agosto 2015

In vacanza non perdetevi GIPI!


Siamo in vacanza da domani. Se ordinate sul nostro sito: comicout.com i volumi o gli arretrati, dovrete pazientare fino a dopo il 20 agosto. Non facciamo spedizioni, perché anche le poste sono meno affidabili.

Ma se non vi siete ancora accattati il numero 97-98 di Scuola di Fumetto... è questo il momento.
Perché oltre alle altre meraviglie e golosità c'è pure un'intervista di Ivano Porpora a Gipi riguardo a Bruti!
e se non sapete neanche che cosa sia Bruti.... andata a nuotare, va'....


« Non l’ho scelto. Un giorno ho immaginato due guerrieri che si menavano»


Ivano: L’ultima volta che ci siamo sentiti, dicevi che Equitalia nel rapporto con gli artisti svolge un ruolo fondamentale.
 
Gipi: Il bisogno, apparentemente, lo fa.

Ivano: Allora eri appena uscito con Unastoria, e il successo che ha dato – mediatico, di pubblico, di critica – è ormai sicuro. Poi c’è stato un lungo silenzio, anche via Facebook, e ora esci con Bruti. Ci spieghi come è nata l’idea?

 
Gipi: L’idea è nata anni fa. Quasi tre. Viene dalla mia passione per i giochi, che ho da sempre, e dal desiderio di stare fuori dalla realtà che la accompagna e che accompagna pure il lavoro di fumettista, immagino. A volte ho proprio bisogno di mettermi a inventare, o almeno, non so se è davvero un bisogno, comincio a immaginare un mondo inventato e poi mi ci perdo dentro. Di solito diventa una ossessioncina. Anche in questo caso è stato così.


Buone vacanze e non picchiate, leggete!